UCDigitalis >
IMPACTVM >
Artes e Humanidades >
Archai >
Archai nº 24 >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10316.2/44806

Title: O è nome o non è nome: tertium non datur: l’oracolo di Cratilo nel Cratilo di Platone
Other Titles: Tituloalternativo:To be or not to be a name: Tertium non datur: Cratylus’ prophecy in Plato’s Cratylus
Authors: Botter, Barbara
Keywords: Platone
Cratilo
Nome
Giustezza
Significato
Issue Date: 2018
Publisher: Imprensa da Universidade de Coimbra
Annablume
location : Local:Coimbra
Abstract: Res:Il nome dice la cosa, se è un nome. Se non dice la cosa non è nome. Questa è la sorprendente e sconcertante tesi sostenuta da Cratilo nell’omonimo dialogo platonico. La tesi già ad Ermogene suona enigmatica, un “oracolo” (manteia) che necessita della presenza di un ermeneuta per chiarire ciò che rimane occulto nei termini della massima. Secondo il discepolo di Eraclito, i nomi sono per natura giusti (orthous), almeno quanti sono nomi (Cra. 429b11). I nomi che non soddisfano questa condizione non sono dei nomi falsi, semmai non sono affatto nomi. In questo contributo vorremmo saggiare il Cratilo platonico rispetto al significato che si cela dietro le parole di Cratilo e chiarire la sua posizione di fronte alla confutazione di Socrate. Ci concentreremo, pertanto, sull’ultima sezione del dialogo consacrata allo scambio di battute fra Cratilo e Socrate e specificamente alle linee 427e-440e.
URI: URI:http://hdl.handle.net/10316.2/44806
ISSN: ISSN:2179-4960
ISSN:1984‑249X (PDF)
Appears in Collections:Archai nº 24

Files in This Item:

File Description SizeFormat
O_e_nome_o_non_e_nome.pdf2.pngGenerated Thumbnail26,06 kBimage/pngView/Open
O_e_nome_o_non_e_nome.preview.pdfGenerated Preview444,45 kBAdobe PDFView/Open
O_e_nome_o_non_e_nome.pdf582,89 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.